Où achat cialis sans ordonnance et acheter viagra en France.

Inflazione 2010

INFLAZIONE
L’inflazione è il continuo aumento del livello generale dei prezzi, determinato da un
incremento abnorme della massa monetaria in circolazione.
Le enormi somme di denaro che gli Stati e le Banche Centrali hanno immesso nell’economia
non mancheranno di spingere i prezzi al consumo in forte rialzo.
Negli Stati Uniti il debito Federale è passato da seimila miliardi nel 2006 a undicimila miliardi
a fine novembre 2009 e supererà tredicimila miliardi a fine 2010.
Alla montagna di titoli statunitensi, vanno aggiunti quelli dell’Unione Europea: Gran
Bretagna, Francia, Italia, Spagna, ecc. Tredici Stati dell’Unione Europea sono in una
situazione di grande rischio. Accanto ai nuovi membri della Comunità ( Cechia , Cipro,
Lettonia, Lituania, Malta, Romania, Slovacchia e Slovenia ) troviamo pure Gran Bretagna,
Grecia, Irlanda, Olanda e Spagna.
Nel 2010 arriveranno sui mercati mondiali titoli pubblici per duemilatrecento miliardi di
dollari.
Negli Stati Uniti e in Gran Bretagna la FED e la Banca d’Inghilterra sono pronte ad
acquistare i titoli che il mercato non assorbirà. La BCE non può acquistare titoli pubblici per
il proprio portafoglio, ma potrebbe aiutare le banche a farlo.
Per ritornare ad una situazione normale e combattere l’inflazione i Governi hanno tre
possibilità:
a) Ridurre drasticamente le spese.
b) Aumentare le imposte.
c) Lasciar correre l’inflazione, ossia alleggerire il debito pubblico per mezzo dell’inflazione.
La riduzione delle spese statali non è un compito facile per i Governi. Impossibile toccare
le spese sociali per non colpire le classi più deboli. Anche gli altri settori dell’economia non si
lasciano colpire facilmente e in generale sono ben rappresentati nei Parlamenti, dove
possono limitare gli spazi dei Governi, impedendo loro di applicare in modo efficiente i
risparmi necessari.
L’aumento delle imposte è da un lato un’operazione impopolare per i Governi che devono
proporla e rischia nello stesso tempo di frenare la ripresa economica.
La via più facile è quella di lasciar correre l’inflazione. Con questo sistema si svalutano i
risparmi e il reddito dal lavoro, ma si aiuta lo Stato a far diminuire la montagna di debiti
accumulata.
Il problema sta nel fatto che se la spirale inflazionistica si mette in moto diventa difficile
controllarla.
L’esempio classico di questo sistema è dato proprio dagli Stati Uniti. Tra il 1946 e il 1955 il
Debito Pubblico Federale è stato dimezzato grazie a un’inflazione media del quattro
percento circa.
Se si osserva bene il deficit statunitense con la politica del tasso zero e il finanziamento del
deficit statale da parte della Banca Centrale si ha l’impressione che ai più alti livelli si pensa:
“ meglio l’inflazione che la deflazione! “.
Se il tasso d’inflazione dovesse superare il quattro percento ( cosa non improbabile nei
prossimi anni ) si inizierà a vendere le obbligazioni statali, considerate ancora oggi da molti
quale spiaggia sicura ( lender of last trust ) e i tassi d’interesse aumenteranno rapidamente.
Le obbligazioni statali potrebbero già nel corso di quest’anno diventare la “patata bollente”.
Il rischio è elevato e il rendimento molto modesto. Sono invece un po’ meno a rischio le
obbligazioni di primarie società con bilanci solidi.
Presto o tardi - forse più presto che tardi - il denaro ritroverà e in parte ha già ritrovato la
via del mercato azionario, dei mercati delle materie prime e dei metalli preziosi, come pure
del mercato immobiliare.
L ’Australia, la cui economia è oggi tra le pochissime eccezioni al mondo a non avere
problemi, ha aumentato nel corso di tre mesi - l’ultima volta a inizio dicembre 2009 - il
tasso di sconto di tre volte 25 punti base al 3,75%.
Anche la Cina, giovedi scorso ( 7 gennaio 2010 ) ha per la prima volta dalla metà di agosto
2009, aumentato il tasso d’interesse per le obbligazioni statali con scadenza trimestrale di
4,04 punti base all’1,4 %.
E’ inoltre imminente il ritiro da parte della Banca Centrale cinese ( ancora prima di fine
gennaio ) di 137 miliardi di Yuan ( circa 14 miliardi di euro ) dal mercato monetario.
Potranno Stati Uniti e Unione Europea seguire l’esempio di Australia e Cina? Difficilmente,
poiché con un numero di disoccupati altissimo non si può pretendere di frenare un ancor
timido rilancio dell’economia.
I mercati azionari già nel 2009, tra alti e bassi, hanno guadagnato terreno e anche una lenta
ripresa dell’economia ridarà pian piano fiducia agli investitori.
Aumento dei tassi d’interesse, mancanza di fiducia nei titoli statali; lenta, ma costante
ripresa economica e un’enorme massa di liquidità che le banche centrali hanno immesso sui
mercati, rappresentano un potenziale enorme per il mercato azionario.
Con una scelta oculata dei settori e dei titoli - dimenticando la speculazione galoppante -
e dando la priorità a società non indebitate o con importanti disponibilità di cassa - spesso
dimenticate - si potranno raggiungere risultati positivi e insperati.
11 gennaio 2010

Source: http://www.ld-a.ch/pdf/7-INFLAZIONE.pdf

Microsoft word - redlands benefit summary 2013 _3_

Redlands USD The following outline of your group’s outpatient prescription drug benefit is provided for your information. This document contains specific coverage and exclusion information related to your prescription benefit provided by Redlands USD and administered by Express Scripts, Inc. For more information about these drugs or others, you can reach us by calling 1-877-586-3115 or by

Cloud_locandina+formiscrizione_22102010

“CLOUD COMPUTING: il percorso obbligato” Martedì 2 novembre 2010 - ore 17 Università degli Studi di Torino - Aula Magna – Rettorato Relatore: Vittorio Viarengo Oggi i clienti dei servizi IT hanno di fronte una realtà piena di sfide. Private cloud e cloud computing promettono un sistema di fornitura di servizi IT più agile e orientato al cliente. Vittorio ci porterà in u

Copyright © 2010-2014 Pdf Medic Finder